Il cassonetto delle tapparelle è un elemento integrante della finestra che, spesso e volentieri, viene sottovalutato o ignorato. Eppure, sostituire un infisso o semplicemente apportarvi delle modifiche implica la necessità di prendere in considerazione il cassonetto.

Quest’elemento è importante perché ha una doppia funzione: dal punto di vista funzionale, il cassonetto contiene la tapparella una volta che la si avvolge e da un punto di vista estetico la nasconde, evitando così che l’oscurante stoni con il resto dell’arredamento.

Apparte il lavoro di riparazione tapparelle, la nostra azienda offre anche unservizio Idraulico Milano H24.

A che cosa serve il cassonetto

Oltre al fattore estetico e di contenimento della tapparella, il cassonetto ha un compito fondamentale in termini di comfort abitativo. Infatti, un buon cassonetto deve poter coibentare l’ambiente interno da quello esterno o, in altre parole, prevenire la dispersione d’aria calda d’inverno o d’aria fresca durante la stagione calda.

Lo stesso discorso è valido per le temperature esterne che non dovrebbero poter modificare quelle dell’ambiente interno. Il cassonetto delle tapparelle ha anche la funzione di isolare gli interni dai rumori esterni. In altre parole, con un cassonetto performante, i suoni proveniente dall’ambiente esterno non sono fonte di disturbo per la quiete domestica.

Di che materiali sono realizzati

I cassonetti delle tapparelle sono realizzati con diversi materiali. La maggior parte di cassonetti vengono realizzati con l’EPS, ovvero il polistirene espanso sintetizzato, il polistirolo costituito da una struttura a cellule chiuse e contenente solo aria.

Un altro tipo di polistirene utilizzato per realizzare i cassonetti delle tapparelle è il XPS caratterizzato da una struttura a cellule chiuse che risulta molto performante come isolante termico oltre ad essere resistente alla compressione.

Il NEOPOR BASF è un altro tipo di polistirene espandibile che si ottiene dalla combinazione tra il polimero EPS e la grafite. Un altro materiale è un tipo di legno resistente all’umidità ed alle azioni meccaniche.

Anche il PVC è molto utilizzato con i cassonetti perché ha un elevato potere isolante per quanto riguarda la coibentazione termica. Il ferro zincato e l’alluminio sono altri due materiali richiesti perché presentano la comodità di essere leggeri ma resistenti. L’unico svantaggio è che hanno un valore d’isolamento termico basso, caratteristica che diventa irrilevante se vengono collocati nel modo corretto.

Come coibentare il cassonetto delle tapparelle

Coibentare il cassonetto delle tapparelle è un lavoro abbastanza semplice da svolgere e non richiede particolari abilità tecniche. Il primo passo è quello di prendere le misure dei cassonetti esistenti e assicurarsi che ci sia lo spazio sufficiente per inserire i pannelli isolanti. Infatti, è fondamentale tenere in considerazione che questi pannelli hanno uno spessore che varia dai 13 ai 25 mm.

Per non incappare in brutte sorprese, lo spazio tra la tapparella completamente avvolta ed il pannello dovrebbe essere di almeno 1 cm. Dato che coibentare significa isolare l’ambiente interno da quello esterno, prima di procedere con il lavoro è importante verificare che non vi siano fori che diventerebbero causa di spifferi e di scarso isolamento termico.

Sigillare eventuali buchi è semplicissimo grazie ad una buona schiuma poliuretanica. Solo creando le basi per una buona coibentazione sarà possibile ottenere un risultato eccellente e mantenere gli ambienti interni alla temperatura desiderata.

Il prossimo passo consiste nell’isolamento dei pannelli isolanti flessibili che vengono inseriti dalla parete fino a richiudere la parte superiore del cassonetto. Un altro metodo di coibentazione consiste nel tagliare 5 pannelli di polistirene per ogni lato del cassonetto: due pannelli piccoli per i lati, due da inserire sopra e sotto la tapparella e uno che funge da frontalino per completare la coibentazione. L’ultimo step è relativo all’isolamento acustico è consiste nell’applicazione di rotoli in isolene adesivo.

Questo è un materiale isolante autoadesivo utilizzato apposta per isolare i cassonetti delle tapparelle. Oltre ad attutire i rumori provenienti dall’esterno, questo materiale crea una barriera contro la dispersione energetica. È quindi molto indicato soprattutto per quelle finestre che si affacciano sulla strada o sono esposte ad ambienti particolarmente rumorosi.

Il cassonetto della tapparella realizzato seguendo le normative è un vantaggio sia per la coibentazione termica e acustica sia perché ci sono detrazioni fiscali importanti. Infatti, le detrazioni disponibili per la sostituzione degli infissi, includono anche nuovi cassonetti (parte integrante della finestra) con tutte le caratteristiche per rendere l’ambiente di casa gradevole.

Inoltre, la vasta tipologia di cassonetti disponibili consente di avere ampia scelta in base a design, materiale di costruzione, caratteristiche, ecc. Con i nuovi modelli di cassonetti non ci sono più rischi di spifferi e fastidi simili.

Suggerimenti:
I problemi più frequenti legati alle tapparelle
tapparellista milano

I servizi offerti dall’azienda L’ARTE DEL FUTURO SRL sono tanti: si passa dagli interventi semplici legati alle tapparelle fino agli Read more

Come pulire le tapparelle in modo efficace
Come pulire le tapparelle

Cosa verificare prima di cominciare la pulizia delle tapparelle Come eliminare la polvere Pulizia profonda con sapone di Marsiglia Pulizia Read more

Alcuni problemi comuni delle serrande
problemi che puo avere una serranda

Problemi che puo avere una serranda - Indice: Il problema delle serrande bloccate La rottura della molla Malfunzionamento del motore Read more

Call Now ButtonChiama: 3492866321